arrow-calendar--leftarrow-calendar--rightarrow-leftarrow-rightbutton-arrowcalendarclockdownloadgridinfolinklogo-museohemingwaylogo-vertical-museohemingwaymarkerpaypalrouteshare-emailshare-facebookshare-google-plusshare-pinterestshare-twittershareslider-arrow-leftslider-arrow-rightsocial-facebooksocial-issuusocial-youtubetickets
Teatro e danza

COMBATTIMENTO DI TANCREDI E CLORINDA

Titolo

COMBATTIMENTO DI TANCREDI E CLORINDA

Fondazione Luca in collaborazione con Operaestate Festival è lieta di invitarvi all’inaugurazione con l’opera: “Combattimento di Tancredi e Clorinda” di Giorgio Battistelli da Monteverdi, presso i giardini di villa Ca’ Erizzo.

 

ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO

IL COMBATTIMENTO DI TANCREDI E CLORINDA

di Giorgio Battistelli da Monteverdi

Lirica – coproduzione del festival

Inaugura il programma del festival un’opera simbolo dei due temi che lo percorreranno, dei conflitti e delle civiltà. Il combattimento di Tancredi e Clorinda di Giorgio Battistelli da Monteverdi, un concentrato di quei temi fondanti narrati da Tasso e poi da Monteverdi e infine da Battistelli. In apertura Orazi e Curiazi vede le percussioni interpretare il leggendario duello fra gli Orazi e Curiazi, con i corpi, le voci, il timbro e il ritmo delle percussioni in una dimensione fantastica. Dal più celebre “conflitto” della Roma delle origini e del mito, al rinascimentale combattimento tra il cristiano Tancredi e la musulmana Clorinda narrato nella Gerusalemme Liberata di Torquato Tasso, scelto da Claudio Monteverdi per la sua raccolta di Madrigali guerrieri et amorosi e qui riproposto nella versione contemporanea di Giorgio Battistelli. Ambientato lungo il Brenta, in un luogo simbolo della civiltà della villa perché ne contiene tutti i segni: dal suo sviluppo nel XV secolo al suo declino nel XVII e ora grazie al proprietari-mecenati/ recuperato agli antichi fasti e soprattutto aperta in occasione di manifestazioni culturali. Qui un’apposita regia ambienterà le opere avvicinando due mondi sonori lontani, quello seicentesco e quello contemporaneo, nel racconto di una storia d’amore eterna in bilico tra la fisicità concreta, reale del duello dei protagonisti e una vertigine di suggestioni e rimandi fantastici suggeriti dal luogo stesso. 

La direzione musicale è affidata a Marco Angius, direttore di riferimento per il repertorio contemporaneo e attualmente direttore artistico e musicale dell’OPV.

 

Per informazioni: 

biglietteria Festival 0424 – 524214

Via Vendramini, 35 Bassano

 

Newsletter

Resta aggiornato su tutte le nostre ultime novità ed eventi