arrow-calendar--leftarrow-calendar--rightarrow-leftarrow-rightbutton-arrowcalendarclockdownloadgridinfolinklogo-museohemingwaylogo-vertical-museohemingwaymarkerpaypalrouteshare-emailshare-facebookshare-google-plusshare-pinterestshare-twittershareslider-arrow-leftslider-arrow-rightsocial-facebooksocial-issuusocial-youtubetickets
Incontri Culturali

LIBRI IN VILLA: «NESSUNO È RIMASTO OZIOSO»: LA PRIGIONIA IN ITALIA DURANTE LA GRANDE GUERRA

SONIA RESIDORI

Titolo

«NESSUNO È RIMASTO OZIOSO»: LA PRIGIONIA IN ITALIA DURANTE LA GRANDE GUERRA

Fondazione Luca è lieta di invitarvi alla presentazione del libro  ”«Nessuno è rimasto ozioso»: la prigionia in Italia durante la Grande Guerra” domenica 22 settembre alle ore 10.30, nella suggestiva cornice della Cappella Mares di Villa Cà Erizzo Luca a Bassano del Grappa. La presentazione è inserita nella ricca programmazione della manifestazione della 3ª mostra mercato dell’editoria della Grande Guerra che si terrà all’interno dei giardini di Villa Cà Erizzo domenica 22 settembre dalle ore 10 alle ore 19.

DOMENICA 15 ORE 10:30
Interverrà l’autrice Sonia Residori

Nel corso del primo conflitto mondiale, i prigionieri di guerra austroungarici catturati dall’esercito italiano durante le operazioni belliche e internati in Italia divennero una risorsa economica fondamentale. Attraverso un ampio scavo archivistico, dalla documentazione conservata presso il Comitato internazionale della Croce Rossa di Ginevra a quella dell’Archivio centrale dello Stato e dell’Ufficio storico dello stato maggiore dell’esercito, a quella di alcune città italiane come Roma, Bologna, Lecce, il lavoro della Residori analizza lo sviluppo di un sistema organizzato di lavoro forzato dei prigionieri di guerra dapprima per l’economia del Paese e in seguito per la zona di guerra, dove divennero vere e proprie truppe di seconda linea. Dopo la vittoria di Vittorio Veneto, l’afflusso massiccio dei soldati nemici catturati mise in grande difficoltà la struttura concentrazionaria italiana e i prigionieri scontarono con fame, freddo e malattie epidemiche (tifo petecchiale e malaria), la precarietà della situazione ma anche la volontà punitiva dei vincitori. Lo Stato italiano, infatti, dopo l’armistizio, negò sempre ostinatamente il permesso di visitare le proprie strutture ai rappresentanti della Croce rossa ungherese e austriaca, ma anche a quella internazionale di Ginevra.

Sonia Residori, bibliotecaria, dottore di ricerca in Storia economica presso l’Università degli Studi di Verona. Tra le sue principali pubblicazioni: Il coraggio dell’altruismo. Spettatori e atrocità collettive nel Vicentino 1943’45, Centro Studi Berici 2004; Il massacro del Grappa: vittime e carnefici del rastrellamento (21 – 27 settembre 1944), Cierre 2007; Il “Guerrieri giusto” e l “Anima Bella”: l’identità femminile nella Resistenza vicentina, Centro Studi Berici, 2008; Una legione in armi. La Tagliamento tra onore, fedeltà e sangue, Cierre 2013; L’ultima valle. La Resistenza in val d’Astico e il massacro di Pedescala e Settecà (30 aprile – 2 maggio 1945), Cierre 2015; «Nessuno è rimasto ozioso»: la prigionia in Italia durante la Grande Guerra, Franco Angeli 2019

INGRESSO GRATUITO

INFO
MUSEO HEMINGWAY E DELLA GRANDE GUERRA
TEL 0424 529035
INFO@VILLACAERIZZOLUCA.IT
WWW.MUSEOHEMINGWAY.IT

Newsletter

Resta aggiornato su tutte le nostre ultime novità ed eventi