arrow-calendar--leftarrow-calendar--rightarrow-leftarrow-rightbutton-arrowcalendarclockdownloadgridinfolinklogo-museohemingwaylogo-vertical-museohemingwaymarkerpaypalrouteshare-emailshare-facebookshare-google-plusshare-pinterestshare-twittershareslider-arrow-leftslider-arrow-rightsocial-facebooksocial-issuusocial-youtubetickets
Teatro e danza

B.motion danza – STABAT MATER

HILDE EBERS (OLANDA)

Titolo

B.MOTION DANZA – STABAT MATER
HILDE ELBERS

 
Giovedì 24 ore 18.00 - Venerdì 25 ore 17:00 - Sabato 26, ore 16:00
Villa Ca’ Erizzo, Cappella Mares, Bassano del Grappa
 
La Fondazione Luca, in collaborazione con Opera Estate, è lieta di invitarvi presso la Cappella Mares di Villa Ca’ Erizzo dove sarà ospitata , nell’ambito del programma di danza di B.motion, la commissione del festival sullo "Stabat Mater"per la coreogrfia di Hilde Elbers

Stabat Mater - Hilde Elbers (Olanda)

prima nazionale / coproduzione del festival

Per la coreografa Hilde Elbers la commissione del festival sullo “Stabat Mater” è stata l’occasione per esplorare più da vicino il concetto di peccato originale. In un passo a due rituale e allo stesso tempo concreto, due danzatori riprendono il proprio posto, rivendicando il loro diritto di essere, senza biasimo o senso di colpa. Un potente “no” all’inarrestabile bisogno di dimostrare meritevole la propria vita. Il poema medievale latino “Stabat Mater”, che è diventato parte della liturgia cattolica, descrive l’immenso dolore di una madre per il figlio che è morto a causa dei peccati dell’umanità. Il poema è stata la ragione per cui la coreografa ha esplorato criticamente e più da vicino il concetto di peccato originale, riguardo al quale il messaggio è diretto e preciso: per riuscire a tornare nel giardino dell’Eden bisogna redimersi. Il lavoro nega quell’originaria idea di colpa. In una sorta di rituale, due danzatori rivendicano il loro posto e loro diritto a “essere” sensuali ma senza colpa, crudeli e delicati allo stesso tempo. Sbucciando via strati come vecchie pelli che cadono, strappando vecchie abitudini e vincoli come se fossero degli abiti troppo stretti. Ciò che resta è la gioia della fiducia e della femminilità prive di pregiudizi.

Coreografia Hilde Elbers
Danzatori Hilde Elbers, Judit Ruiz Onandi
Musica Natasja Giebels
Foto Paul van Weert

Ingresso 5 euro

Informazioni e prenotazioni: 
Biglietteria Operaestate Festival: 
Via Vendramini 35, tel. 0424 524214  /  0424 519811
www.operaestate.it
 

Newsletter

Resta aggiornato su tutte le nostre ultime novità ed eventi